gaac - online


Homepage
Mail

GAAC  1989  53 / II  n. 18 - 35

 
 
DIRITTO NAZIONALE

 

1 Stato - Popolo - Autorità
 

Art. 26 Cost. Ferrovie.

Indennizzo da parte della Confederazione e dei Cantoni delle prestazioni del servizio pubblico delle imprese concessionarie di trasporto pubblico. Ammissibilità di una partecipazione dei Cantoni all'indennizzo (t+ f)  53.18

Diritti politici. Non riuscita di un referendum facoltativo. Procedura.

Art. 30 PA. Diritto d'essere sentito. L'interesse pubblico permette alla Cancelleria federale di rifiutare la proroga del termine impartito a un comitato per le osservazioni sul progetto di una decisione concernente la non riuscita.

Art. 59 LDP. Rispetto della parità di trattamento delle comunità linguistiche quando si tratta di fissare la scadenza del termine di referendum in caso d'impossibilità della pubblicazione simultanea delle tre versioni ufficiali di un testo legale.

Art. 85 LDP e 34 OG. Inapplicabilità delle ferie giudiziarie alla procedura referendaria? (questione irrisolta).

Art. 66 LDP. La Cancelleria federale non può né dichiarare nullo un termine di referendum, né fissarne uno nuovo (f)  53.19

Art. 52 cpv. 1 OE. Privazione dello stipendio, dell'indennità di residenza e degli assegni, pronunciata con l'esonero del funzionario.

- Contro la privazione di queste prestazioni pecuniarie decise da un capo di Dipartimento è dato il ricorso di diritto amministrativo.

- Per quanto concerne il termine di ricorso, tale privazione è assimilata a una decisione finale.

- L'apertura di un'inchiesta penale per gestione sleale ai danni della Confederazione giustifica da sola la privazione (t)  53.20

Art. 8 cpv. 1 lett. a RI. Scioglimento, da parte della Confederazione, del rapporto di servizio di un impiegato permanente.

- Constatazione della colpa dell'impiegato che consiste, nel caso presente, nella degradazione delle prestazioni, dovuta ad abuso d'alcole. Sono determinanti le circostanze al momento della procedura di disdetta e non quelle al momento dell'introduzione del ricorso o della decisione.

- Prestazioni insufficienti e simulazione di una cura di disintossicazione che l'impiegato si è impegnato a seguire, giustificano la disdetta (t)  53.21

 

2 Diritto privato - Procedura civile - Esecuzione
 

Art. 12 lett. e LAFE. Acquisto di un fondo ubicato nelle vicinanze di un'opera militare importante da parte di persone all'estero.

Autorizzazione rifiutata al proprietario di una piccola azienda agricola, domiciliato in Svizzera e sposato a una Svizzera, per l'acquisto di una fattoria, indipendentemente dagli interessi di un'agricoltura vitale nelle regioni di montagna. Rifiuto di un'autorizzazione eccezionale vincolata a oneri, vista l'importanza dell'opera militare e la particolare situazione topografica (t)  53.22

 

3 Diritto penale - Procedura penale - Esecuzione
 

Assistenza giudiziaria internazionale in materia penale. Procedura di ricorso. Spese ripetibili.

Art. 18 LF relativa al trattato con gli USA.

La decisione del Dipartimento di radiare dai ruoli un ricorso motivato dal fatto che la concessione dell'assistenza violerebbe la sovranità svizzera - ricorso divenuto senza oggetto in seguito al ritiro della domanda d'assistenza - e di non riconoscere le spese ripetibili sottostà, in merito a quest'ultimo punto, al ricorso al Consiglio federale.

Art. 35, 38, 50 e 64 PA; art. 8 cpv. 7 0 sulle tasse e spese nella procedura amministrativa.

Buona fede come limite all'invocazione della mancanza di indicazione dei rimedi di diritto nella decisione di radiazione. Se il ricorrente ha prima sollecitato il riesame della decisione di radiazione lacunosa, nonostante conoscesse la corretta via di ricorso e se il suo ricorso ulteriore al Consiglio federale rispetta il termine per quanto concerne la decisione di revisione, ma non quello per rapporto alla radiazione, il Consiglio federale non entra nel merito delle censure relative alla decisione originaria in materia di spese, in ragione di ritardo e respinge il ricorso per carenza di motivo di revisione (t)  53.23

 

4 Scuola - Scienza - Cultura
 

Conservazione dei monumenti storici

Costituzionalità e legalità di un'ordinanza amministrativa che esclude qualsiasi sovvenzione per il restauro di edifici che appartengono ai Cantoni (f)  53.24

Protezione del paesaggio e dei monumenti storici. Finanziamento di scavi archeologici sull'antica area delle esecuzioni del Cantone di Lucerna in occasione della costruzione di una sotto-stazione delle FFS.

Art. 3 LPN. L'obbligo della Confederazione comprende, per quanto concerne le proprie costruzioni, la presa a carico del costo degli scavi archeologici effettuati da un Cantone allo scopo di salvare oggetti storici d'importanza nazionale, ove non sia possibile sistemare la costruzione in maniera adeguata o rinunciarvi. Portata dell'obbligo di sopperire alle spese (t + f)  53.25,  53.25bis

 

7 Lavori pubblici - Energia - Trasporti e comunicazioni
 

Art. 3 cpv. 4 LCS e art. 48 lett. a PA.

Nessuna legittimazione ricorsuale di una sezione cantonale del Touring Club Svizzero (TCS) per ricorrere contro una limitazione di velocità che non interessa la maggioranza o un numero rilevante dei suoi membri (cambiamento di giurisprudenza) (t)  53.26

Art. 3 cpv. 4 LCS.

La protezione della natura e del paesaggio nonché la protezione dell'ambiente giustificano limitazioni preventive della circolazione. Nel caso presente è ammissibile sopprimere posti di parcheggio per proteggere i platani contro il pericoloso cancro colorato dei platani che può essere propagato anche attraverso ferite provocate da automobili posteggiate (i)  53.27

Navigazione marittima svizzera. Basi legali per un'ordinanza relativa alla sicurezza e all'impiego della flotta marittima svizzera.

Portata dell'articolo 6 LNM e degli articoli 23 - 25 LAP, segnatamente per un disciplinamento della requisizione delle navi svizzere (f)  53.28

Art. 124, 124a e 134a OSP. Interessi sui conti chèques postali (CCP).

- Delimitazione tra settore bancario e trasporto di denaro da parte delle poste sulla base dell'art. 36 Cost.

- Il versamento ristretto di interessi ai titolari di CCP privati e la riscossione di un interesse negativo per prelevamenti superiori all'avere in conto, ammessi in maniera limitata, sono compatibili con l'art. 36 Cost. e l'uguaglianza davanti alla legge (art. 4 Cost.) nonché con le esigenze della pianificazione del territorio (art. 22quater cpv. 3 Cost.) e delle regioni la cui economia è minacciata (art. 31bis cpv. 3 Cost.).

- Basi legali sufficienti (t)  53.29

 

8 Sanità - Lavoro - Sicurezza sociale
 

Art. 15 cpv. 2 lett. i OLS. Autorizzazioni dell'UFIAML per ecclesiastici.

- Ministero a pieno tempo e missione di cura d'anime negati nel caso del titolare di un diploma straniero di teologia che divide il proprio tempo tra la preparazione di una licenza svizzera in teologia e la presidenza di un'associazione in favore del Terzo Mondo, le cui attività fondate sul Vangelo, superano il quadro religioso.

- Buone relazioni con le diverse comunità cristiane di Svizzera non bastano a motivare un'importanza nazionale di una comunità il cui insediamento geografico è chiaramente ristretto (f)  53.30

Art. 15 cpv. 4 lett. a e art. 21 cpv. 3 lett. b OLS. Autorizzazioni dell'UFIAML per specialisti qualificati.

Nessun diritto del datore di lavoro a che l'autorità esamini una domanda d'autorizzazione di principio, indipendentemente dalla persona del lavoratore, per carenza di un interesse degno di protezione in merito a una siffatta decisione d'accertamento separata, poiché le premesse legali per l'autorizzazione di lavoro devono sempre essere soddisfatte simultaneamente dalla parte del datore di lavoro e dalla parte del lavoratore (t)  53.31

 

9 Economia - Cooperazione tecnica
 

Aiuto agli investimenti nelle regioni montane.

Art. 3 LIM. La legge si applica a un ufficio del turismo ? (questione irrisolta).

Art. 10 e art. 17 cpv. 1 LIM. Mutuo della Confederazione negato, non essendo il progetto iscritto nel programma di dettaglio prima dell'inizio dei lavori di costruzione, poiché le autorità cantonali hanno tardato a trasmettere la domanda al servizio centrale (t)  53.32

Art. 23 cpv. 1 lett. c LAgr. Obbligo per gli importatori di ritirare prodotti agricoli dello stesso genere.

- Nozione giuridica indeterminata di «stesso genere».

- Uova in guscio e prodotti a base di uova sono dello stesso genere.

- Il principio della proporzionalità esige per i casi di rigore la possibilità di versare una tassa sostitutiva giusta l'art. 24a LAgr (t)  53.33

Sussidi federali per bonifiche fondiarie. Procedura. Caso del percorso storico dei pellegrini per San Giacomo di Compostella. Misure provvisionali.

Art. 5 PA. Le decisioni di principio dell'Ufficio federale delle bonifiche fondiarie (UBF), rispettivamente del Dipartimento federale dell'economia pubblica (DFEP), concernenti la concessione di un sussidio federale costituiscono decisioni impugnabili.

Art. 12 PA in relazione con art. 79 LAgr, art. 2 lett. c e art. 3 cpv. 1 e 2 lett. c LPNnonché art. 30 LPT. Poiché ha condotto a un chiarimento inesatto e incompleto dei fatti, la pratica consistente nel lasciare ai Cantoni la cura di tutelare gli interessi della protezione della natura e del paesaggio, della pianificazione del territorio, della protezione delle acque e della pesca nonché dei percorsi pedonali e dei sentieri è contraria al diritto federale. Il riconoscimento di un sussidio federale tramite l'UBF, rispettivamente il DFEP, presuppone un esame dell'istanza da parte di tutti i servizi federali specializzati.

Art. 4 Cost. Protezione della fiducia del cittadino immesso in possesso anticipato conformemente al piano di bonifica, nella misura in cui non vi si opponga alcun interesse pubblico preponderante  53.34 I

Art. 19 cpv. 3 O sulle bonifiche fondiarie. Autorizzazione di messa in cantiere anticipata per la bonifica parziale di un ruscello accordata dal Consiglio federale a titolo di misura provvisionale nella procedura di ricorso; rigetto di una domanda di constatazione del diritto a un sussidio per i lavori autorizzati anticipatamente (t)  53.34 II

Art. 5 cpv. 1 e art. 6 cpv. 2 Statuto del vino. Esigenza dell'esposizione del declivio.

Il fatto che un terreno piatto, in ragione della natura del suolo, non si presti a colture diverse da quella della vite e che sia situato in una regione che non conosce sovraproduzione viticola, non giustifica l'ammissione nella zona viticola (f)  53.35


 

 

 

Inizio del documento